Separazione e figli: Come preparare un bambino al distacco

genitori-e-figli-come-preparare-un-bambino-al-distacco

Quando due genitori sposati da tempo decidono di separarsi si apre una fase molto delicata non solo per la loro emotività e per le conseguenze di un’unione giunta al termine ma anche e soprattutto per lo stato d’animo dei figli; i bambini infatti si trovano a fare i conti con una situazione completamente diversa, privati della compresenza di mamma e papà.

Separazione e figli devono andare di pari passo, preparando anzitutto il bambino al distacco e aiutandolo a vivere con la massima tranquillità e serenità l’allontanamento da casa di uno dei due genitori. Non si tratta di un percorso semplice ma perchè non si generino traumi, stati d’ansia o reazioni negative a breve o a lungo termine legate alla separazione, è bene che i genitori non si concentrino esclusivamente sulla fine della loro relazione ma affrontino la questione insieme ai figli.

Cosa dire al bambino? come comportarsi?

Perchè la separazione sia per i figli non un trauma ma una situazione da vivere serenamente e senza disagi i genitori devono intervenire fin dal principio e non a giochi fatti.

Separarsi in maniera sana è la regola vincente per aiutare i figli a rendere questa esperienza utile diventando più sicuri ed indipendenti: una separazione costruttiva, dunque, evitando da un lato di far sentire i bambini abbandonati e dall’altro cercando di non caricarli di responsabilità facendoli sentire colpevoli per la fine del legame sentimentale dei loro genitori.

Chiaramente il dialogo e la trasparenza sono le armi vincenti per evitare che il divorzio generi nel figlio sensi di colpa, sradicando ogni possibile convinzione sul nascere; il modo migliore per farlo è essere chiari sin da subito, spiegando al proprio figlio l’approssimarsi di una nuova situazione, infondendogli al contempo tranquillità e serenità e non facendogli mai mancare i punti certi; ciò significa che le piccole e grandi abitudini del bambino non dovranno cambiare nè durante la fase della separazione nè dopo il divorzio: le sue esigenze dovranno insomma rimanere davanti a rancori personali o eventuali dispute economiche.

Mai strumentalizzare i figli durante una separazione, utilizzandoli come oggetti di scambio, colpevolizzandoli o litigando davanti a loro: il trauma potrebbe essere immediato oppure presentarsi dopo mesi o addirittura anni, scatenando nel bambino ormai cresciuto irreversibili sensi di colpa e problemi di natura psicologica legati al trauma della separazione. Veri e propri disagi che possono presentarsi sotto forma di crisi di ansia o di panico, profonda tristezza, improvvisi attacchi di rabbia o problemi di socialità, tanto da dover richiedere l’intervento di uno specialista. I figli insomma non sono mai responsabili di una separazione ed è compito dei loro genitori fare in modo che non lo pensino.

Il distacco va reso più indolore possibile, con una separazione che non deve avvenire all’improvviso e senza spiegazioni bensì gradualmente, evitando l’insorgere nel proprio figlio di un senso di smarrimento. Raccontandogli con chiarezza che ‘mamma e papà devono rimanere lontani per un po’ ma che nulla cambierà nella loro vita; è solo con un atteggiamento equilibrato e sereno che il bambino riuscirà a trarre la giusta dose di sicurezza e affetto dai propri genitori e vivere la separazione come una fase complicata ma non certo ‘pericolosa’ della sua vita.

Altro aspetto importante è mostrare al proprio figlio i benefici della separazione e la maggiore serenità della famiglia con i genitori che vivono in abitazioni separati. Anche i regali, pur evitando di esagerare ed elargendoli solo nel momento giusto e una seconda abitazione pensata per ospitare il bambino, avranno un enorme influsso positivo sulla sua psiche, aiutandolo ad affrontare il futuro con serenità ed energia.


NEWSLETTER

Iscriviti GRATIS!

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email nel modulo qui sotto e ricevi News settimanali, Risorse di approfondimento e Offerte imperdibili!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

error: Content is protected !!