Digestione Difficile: Sintomi e Cause

Cattiva digestione

Quando una persona digerisce male si dice che soffre di dispepsia.

Oggi le difficoltà digestive rappresentano uno dei disturbi più frequenti dell’apparato digerente, non di rado anche causa di sovrappeso, gonfiori addominali e aumento del giro vita.

La funzione che noi chiamiamo “digestione” non avviene soltanto a opera dei succhi gastrici, ma è aiutata da una serie di movimenti (peristalsi) che lo stomaco deve seguire appena riceve il cibo.

Le tappe principali di questo processo sono 3:

  • appena arriva il pasto lo stomaco deve adattarsi al nuovo volume e distendere le proprie pareti. Se questo non avviene, compare un senso di tensione di sazietà precoce, talvolta molto fastidioso.
  • il compito successivo dello stomaco è quello di mescolare e triturare il cibo ingerito, per trasformarlo in particelle molto piccole
  • La 3ª fase comporta ulteriori movimenti utili per liberare lo stomaco, nel giro di poche ore, da tutto il cibo ingerito. I tempi medi che i diversi cibi impiegano per lasciare lo stomaco sono circa 2 ore per i farinacei, 3 ore per i cibi a base proteica, 4 ore per i grassi.

Recenti studi hanno permesso di individuare il cosiddetto “complesso motorio inter digestivo” che compare, nel soggetto normale, ogni 2-3 ore circa e che ripulisce lo stomaco da ogni residuo alimentare.

Se tutte e 3 le funzioni dello stomaco non avvengono in maniera corretta e coordinata compaiono numerosi disturbi:

  • senso di pienezza
  • gonfiore con o senza eruttazioni
  • nausea
  • singhiozzo
  • acidità o bruciore che può essere spesso avvertito fino alla gola

Come si manifesta la dispepsia

In genere, la digestione difficile o dispepsia si presenta subito dopo il pasto, più raramente dopo qualche ora, con sonnolenza, pesantezza, bruciori di stomaco, nausea, eruttazioni e sensazione di malessere generale, cui possono accompagnarsi anche alitosi, mal di testa e tachicardia.

Talvolta possono essere presenti anche sovrappeso, colite, gastrite e/o reflusso gastroesofageo

A che cosa è dovuta la dispepsia

Nella gran parte dei casi la dispepsia è causata da pasti troppo abbondanti e/o ricchi di grassi, intolleranze alimentari, masticare poco e male, non fare colazione e/o spuntini stendersi subito dopo i pastie mangiare davanti alla televisione o computer

Ma la digestione difficile può essere provocata anche da sedentarietà, fumo, ansia e depressione

Perché la dispepsia causa sovrappeso

Chi mangia male ha difficoltà a scomporre i cibi e ad assimilare le sostanze necessarie per il funzionamento del metabolismo.

Ecco allora che la dispepsia dovuta a errori alimentari, così come quella che consegue a saltare i pasti, fa accumulare adipe e conseguentemente il sovrappeso rende la digestione ancora più difficile, quindi questo meccanismo è da considerare ciclico.


NEWSLETTER

Iscriviti Gratis

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email nel modulo qui sotto e ricevi News settimanali, Risorse di approfondimento e Offerte imperdibili!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*