Stretching per correggere gli squilibri posturali

stretching posturale

Stretching, per chi sta a lungo in piedi

Una delle posizioni più naturali per il nostro sistema muscolo-scheletrico è la posizione eretta.

Posizione questa che risulta ideale se si sta camminando, ma che può far nascere problemi quali indolenzimento o dolori muscolari nel momento in cui, ad esempio per motivi di lavoro, si passano parecchie ore in piedi mantenendo la stessa postura.

In questi casi risulta essere particolarmente utile praticare qualche esercizio di stretching, da ripetere se possibile alcune volte durante la giornata, oppure durante la sera.

Nei casi detti precedentemente oppure quando la muscolatura della schiena non risulta essere sufficientemente tonica, il corpo spesso accusa differenti squilibri posturali.

Può anche venirsi a verificare un problema di rallentamento circolatorio alle gambe.

Mentre si cammina infatti, la spinta esercitata dai piedi a terra svolge un “effetto pompa”, cosa questa che incita il ritorno della linfa e del sangue venoso dalle braccia e le gambe verso il cuore.

Se però questa spinta viene a diminuire, si determina un accumulo dei liquidi nei tessuti portando quindi tensioni dei muscoli in altre zone del corpo, come quella lombare e quella infrascapolare.

Conseguenze? Indolenzimento localizzato, sensazione di peso e di stanchezza.

Stasi circolatoria

Il ristagno dei liquidi è fra le maggiori colpevoli di diversi malesseri che vanno dal gonfiore alle caviglie, fino alla ritenzione idrica e la cellulite.

Stretching, gli esercizi

Ecco quindi una breve serie di esercizi di stretching, per riattivare la circolazione delle gambe e sciogliere la muscolatura infrascapolare.

È necessario procurarsi un materassino sottile.

  1. Per sciogliere la muscolatura del petto e delle spalle sdraiarsi supini, con i piedi in appoggio al pavimento e le gambe piegate. Aprire le braccia a croce, poi piegare i gomiti a 90°. Facendo aderire la colonna vertebrale al suolo appoggiare quindi a terra il dorso delle mani. Rimanere in questa posizione almeno 40 secondi.
  2. Per riattivare la pompa muscolare nelle gambe, mettersi in posizione eretta, effettuando una “simulazione di camminata” senza staccare i piedi da terra. Sollevare quindi in modo alternato i talloni restando in appoggio sugli avampiedi . Continuare per 5 minuti.
  3. Per allentare le tensioni alla schiena, sdraiarsi supini con i piedi appoggiati al pavimento e le gambe piegate. Facendo completamente aderire la zona lombare al suolo, con una retroversione del bacino cercate di abbracciarvi, arrivando a toccare ciascuna scapola con la mano opposta. Mantenere i gomiti aderenti al petto e restando in questa posizione per circa 40 secondi.

Prova questi esercizi e poi dimmi come ti senti! 😉


NEWSLETTER

Iscriviti GRATIS!

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email nel modulo qui sotto e ricevi News settimanali, Risorse di approfondimento e Offerte imperdibili!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

error: Content is protected !!