Alimentazione e vitiligine: c’è una connessione?

L’alimentazione di tutti i giorni e la vitiligine possono essere collegate strettamente tra loro. Sono numerosi i problemi portati al nostro organismo dai cibi preconfezionati o dalle bevande cariche di aromi non naturali, tra questi l’obesità, il diabete, i vari problemi di colesterolo e le malattie cardiache, oltre ai più vari problemi alla pelle come acne, eczema o, appunto, la vitiligine. Inoltre non è detto che con il tempo non si scoprano altre malattie strettamente collegate alle pessime abitudini alimentari.

La vitiligine è una malattia molto tenace, che progredisce implacabile e influisce anche sulla nostra vita di tutti i giorni al livello psicologico. I trattamenti medici non sono particolarmente efficaci, e hanno pochi e scarsi effetti solo sul lunghissimo termine. Quello che puoi fare tu è evitare di continuare a seguire un’alimentazione sbagliata e sbilanciata, soprattutto se soffri di vitiligine.

Per prima cosa se vedi dei peggioramenti dopo aver mangiato un cibo in particolare, dovresti eliminarlo proprio dalla tua alimentazione a prescindere da quello che ti dirò più avanti.

Una giusta dieta per chi soffre di vitiligine consiste principalmente nel dosare bene cosa si può mangiare in abbondanza e cosa invece va dosato, e devi assolutamente evitare gli alimenti ricchi di fenoli e di composti fenolici come il tannino, che possono aggravare la tua vitiligine.

Fanno parte di questi alimenti da evitare il peperoncino, gli anacardi, i pistacchi, la manioca, le ciliege, i lamponi, le more, il mango e il tè. Tutti questi cibi hanno in comune degli elementi chimici a base di fenolo che possono andare in contrasto con la tirosina, un amino acido essenziale per la sintesi della melanina e necessario per la produzione di una sostanza conosciuta come chinone.

Impedire la formazione di Chinoni, aumenta i livelli di perossido di idrogeno, che va a danneggiare l’antigene chiamato tirosinasi, un enzima chiave per la sintesi dei colori della pelle. Come se non bastasse, le molecole di fenolo spingono alla produzione di cheratinociti, ovvero sostante infiammatorie.

Inoltre il tannino può indurre la morte cellulare bloccando gli enzimi delle cellule e rendendo le loro membrane più sottili e vulnerabili agli ioni. Questi effetti combinati possono non solo non aiutarti a curare il tuo problema con la vitiligine, ma potrebbero addirittura aggravarla.

Se vuoi la conferma di quanto ti sto dicendo, pensa che la vitiligine è maggiormente diffusa in paesi come il Messico e l’India, paesi in cui è anche diffusa un’alimentazione a base di cibi contenenti moltissimi fenoli.

Proprio per questo ti sto dicendo che una sana alimentazione è fondamentale se soffri di vitiligine, può aiutarti a bilanciare il tuo sistema immunitario e a proteggerti dalle malattie, i giusti alimenti possono aiutarti a restituire la giusta colorazione alla tua pelle e al tempo stesso fornirti le giuste vitamine e sali minerali necessari al tuo corpo per creare nuovi pigmenti per la pelle.

Recentemente sono stati condotti alcuni studi scientifici su un tipo di composti conosciuti con il nome di composti fitochimici. È stato dimostrato come questi composti aiutino a proteggere le cellule da eventuali danni e malattie.

Vediamo adesso insieme una serie di alimenti da aggiungere alla tua dieta per migliorare la capacità di guarigione della tua pelle e rimanere al tempo stesso in salute.

  • Cereali – cerca sempre i cereali integrali o alimenti a base di cereali integrali piuttosto che di cereali raffinati.
  • Legumi e legumi secchi – recentemente è stato dimostrato come i ceci siano molto utili nell’alimentazione in India, sono infatti grandissime fonti di fibre, vitamine e minerali.
  • Spinaci – pieni di ferro e acido folico, gli spinaci aiutano a diminuire i livelli di omocisteina nel sangue, una sostanza che può danneggiare i vasi sanguigni. Inoltre sono pieni di composti fitochimici che aiutano la degenerazione delle cellule e proteggono la tua pelle.
  • Broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavoli, ecc. – Sono stracolmi di composti fitochimici che possono aiutarti a prevenire il cancro alla pelle e bilanciare le risposte immunitarie, inoltre sono ricche di vitamina C e beta carotene, ma questo solo se non esageri nel cucinarli.
  • Verdure di vari colori – Come esistono le verdure a foglia verde, esistono i ravanelli, gli spinaci, il cavolo, le carote…Tutte le verdure contengono diversi tipi di composti fitochimici, assicurati di ottenerli tutti mangiando più verdure che ti è possibile, più vitamine, minerali e altri nutrienti.
  • Pomodori – una ricchissima fonte di vitamina C. Contiene degli antiossidanti potentissimi tra cui alcuni carotenoidi, una serie di antiossidanti che danno il colore arancione alla frutta e alle carote. Inoltre con la vitamina C sono anche portatori di acido ascorbico, un altro elemento fondamentale per il corretto funzionamento del nostro corpo.
  • Aglio – non tanto piacevole da annusare, ma ottimo da mangiare crudo per proteggere il cuore e la pelle. Ha proprietà antibatteriche, è una fonte inestinguibile di manganese, vitamina B6, vitamina C, proteine e tiamina (vitamina B1), per non parlare di minerali come fosforo, selenio, calcio, potassio e ferro.
  • Cavoli – hanno vitamina C, fibre, manganese, folati, vitamina B6, potassio e acidi grassi omega 3, e vari composti fitochimici…Cavoli!
  • Proteine – soprattutto le proteine vegetali che puoi trovare in quantità nei semi di soia; è stato dimostrato come siano molto utili a controllare la depigmentazione della pelle. In genere chi si cura con le erbe sconsiglia a questo scopo le proteine animali derivate sia dalla carne che dal pesce.
  • Noccioline (se non ne sei allergico!) – sono ricchissime di vitamina E, hanno dei composti fitochimici protettivi e sono pieni di grassi buoni e salutari per il tuo organismo e per la tua pelle.
  • Liquidi – acqua, principalmente, serve ad idratare la pelle da dentro, fornendoti i liquidi di cui il tuo corpo ha immensamente bisogno.
  • Avena – aiuta a ridurre il colesterolo nel sangue e la pressione alta, inoltre è piena di vitamina E in tutti i suoi composti, fondamentali per la protezione della pelle. Migliora la risposta del sistema immunitario alle infezioni grazie al beta-glucano, il principale responsabile di tutti i benefici che l’avena può portare nel tuo corpo.
  • Mirtilli – hanno probabilmente più antiossidanti di qualsiasi altro frutto o verdura, i composti fitochimici al loro interno sono fortissimi: le antocianine non proteggono solo la pelle, ma migliorano anche il cervello, compresa la memoria.
  • Oli e grassi – oli vegetali come l’olio d’oliva sono ricchi di grassi buoni e sono salutari sotto ogni aspetto.
  • Frutta – pesche, albicocche, mele, mango, banane…ogni frutto ha diverse combinazioni di nutrienti, vitamine, minerali, composti fitochimici nutrienti e antiossidanti che apportano generalmente un grandissimo beneficio alla salute della tua pelle.

Se aggiungi 7 porzioni di frutta e verdura al giorno con i tuoi trattamenti, potrai avere finalmente una perfetta dieta per la vitiligine.

Un esempio di queste 7 porzioni di frutta e verdura potrebbe essere:

  • 1 frutto o 1 verdura di medie dimensioni tagliati a pezzetti
  • ½ bicchiere (125 ml) di succo di frutta
  • ½ bicchiere di verdura e frutta, cotta, fresca o congelata
  • 1 bicchiere (250ml) di verdure a foglia grossa, crude
  • ¼ bicchiere di frutta secca.

Ti consiglio sempre di includere nella tua dieta per la vitiligine degli integratori delle principali vitamine e minerali.

Cosa bisogna evitare quando si parla di alimentazione e vitiligine?

Vitamina C – contenuta in grandi quantità negli agrumi o nel tè verde, se proprio non li puoi evitare, diminuisci la quantità che assumi giornalmente.

Alimenti non vegetariani – addirittura c’è chi consiglia di mangiare vegano, evitando non solo carne e pesce, ma anche prodotti alimentari di origine animale come uova o prodotti caseari. Questo perchè possono peggiorare i processi immunitari.

Alcolici, bevande aromatizzate, prodotti a base di crema o cioccolato – in generale non sono adatti a chi sta cercando di curare la vitiligine tramite l’alimentazione.

Altri alimenti acidi – come cetrioli, fragole, oppure spezie e cibo spazzatura vanno evitati come la peste.

Allora, spero che questo articolo ti sia stato utile per stabilire una dieta per la vitiligine. Ti auguro di guarire presto!

Cura per Vitiligine

Stai curando la tua vitiligine o la stai PEGGIORANDO?

Guarda il video


NEWSLETTER

Iscriviti Gratis

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email nel modulo qui sotto e ricevi News settimanali, Risorse di approfondimento e Offerte imperdibili!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*